Serie A, Il ritorno di Immobile e quel gesto frainteso

Il bomber biancoceleste torna in campo contro il Crotone e segna il primo gol della partita. Dopo mille polemiche sulla questione tamponi il numero 17 si riscatta. Gli sono bastati 21 minuti per portare in vantaggio la Lazio



23 Nov. – In questi 10 giorni d’assenza l’attaccante della Lazio si è sentito bersaglio di critiche ingenerose da parte della stampa italiana. Attacchi a cui il centravanti partenopeo non ha mai voluto rispondere, certo della sua estraneità dei fatti che gli venivano, e vengono tutt’ora, imputati. Settimane di discussioni incentrate non tanto sul suo operato in campo, ma su presunte irregolarità riguardo i tamponi effettuati. Giorni passati a leggere parole denigranti, a suo avviso non veritiere, gli hanno permesso di tornare carico in campo. “Si, mi ha dato fastidio il fatto che si parla di me come uomo senza conoscerlo, questo mi ha davvero fatto andare su tutte le furie. Certe parole mi fanno davvero rabbrividire. Questo era solo per concludere una storia che mi ha davvero creato dispiacere”, ha dichiarato ai microfoni di Sky nel post partita di Crotone.



Immobile: “Devo darvi una brutta notizia, non era rivolto a determinate persone”

La sua esultanza al goal ha lasciato a bocca aperta, tifosi e non. Un gesto che sapeva di liberazione, ma che invece si è rilevato tutt’altro. Quel dito sul naso ha fatto sognare il popolo biancoceleste, mettendo sul piede di guerra tutti gli altri. Eppure, non è come è potuto sembrare. “Per quanto riguarda l’esultanza, purtroppo devo darvi una delusione, non era per determinate persone, ma per il gruppo di Among Us, un giochino che facciamo con gli amici e l’ho fatto con molto piacere”, ha tenuto a precisare l’attaccante sempre più vicino a Silvio Piola nella speciale classifica dei marcatori della storia della Lazio. Un’esultanza arrivata dopo un bel goal, fatta per scherzare insieme agli amici con i quali condivide la passione per i videogiochi.

La squadra di Inzaghi, nonostante tutto, è riuscita a portare a casa tre punti d’ora battendo il Crotone 2 a 0. Oltre ad Immobile è stato importante la rete di Correa arrivata su assist, neanche a dirlo, del centravanti della nazionale. L’attaccante azzurro ora è a quota 107 gol segnati in Serie A. Un totale che gli ha permesso di raggiunge Giuseppe Signori.



Prossimo appuntamento per i ragazzi di Inzaghi la sfida contro lo Zenit in Europa

Ora la testa dei giocatori è rivolta alla Champions. Martedi 24 Novembre i biancocelesti dovranno affrontare lo Zenit in una gara nella quale, vincendo, si potrebbe ipotecare il passaggio, aggiudicandosi uno dei primi due posti del girone.

Immobile con questa maglia non vuole fermarsi. Oltre ad inseguire il record in Serie A, il suo obiettivo è di lasciare il segno anche nella competizione Uefa. Al momento con i suoi 12 gol è al pari di Nedved e di Tommaso Rocchi, prima di loro c’è solo l’attuale allenatore Simone Inzaghi.