Morto Gigi Simoni, Lutto nel mondo del calcio. Aveva 81 anni

Lunga carriera nel mondo calcistico, iniziando come giocatore fino ad essere un allenatore, vincendo anche una Coppa Uefa con l’Inter contro la Lazio nella finale di Parigi del 1998

 

 

22 Mag.Muore a Pisa, all’età di 81 anni, Gigi Simoni. L’allenatore da record delle promozioni in A, vincitore di una Coppa Uefa con l’Inter, era stato colto da un ictus lo scorso 22 giugno nella sua abitazione di San Piero a Grado a Pisa e da lì ha continuato a lottare per mesi. A marzo era stato riportato a casa dalla clinica che l’aveva in cura per ragioni di sicurezza, vista la pericolosità del coronavirus. Nelle ultime ore, però, un peggioramento delle sue condizioni aveva reso necessario l’immediato ricovero all’ospedale di Pisa, dove è arrivato ieri senza più speranze di riprendersi.

 

 

Il pallone, la sua vita

Simoni ha avuto una carriera longeva e ricca di momenti storici per il calcio. Vinse una Coppa Italia nel ’62 col Napoli da giocatore. Ha guidato 17 club diversi nella carriera da tecnico durata 30 anni, con il rammarico di non aver strappato alla Juve lo scudetto nella stagione del 1998, quella conclusa in polemiche. Nello stesso anno, Simoni esultò per la conquista della Coppa Uefa in nerazzurro ed ebbe la soddisfazione personale della Panchina d’oro. Uno dei suoi migliori lavori è stata l’ascesa della Cremonese in Serie A. detiene ancora oggi il record di sette promozioni dalla Serie B alla massima categoria.

Successivamente nella sua carriera Simoni divenne primo allenatore e poi direttore tecnico rossonero nelle stagioni 2005/2006 e 2006/2007, finendo in panchina dopo l’esonero di Paolo Indiani nella prima dei due campionati. Una volta divenuto direttore tecnico, sostenne la panchina del suo secondo Fulvio Pea, preferendo rimanere dietro la scrivania per poi essere sostituito da Fabrizio De Poli poco dopo l’esonero dello stesso Pea.