Mondiali Qatar 2022, diritti tv alla Rai

L’evento calcistico più atteso dagli italiani è quasi alle porte, sarà la TV di Stato a trasmettere tutte le 64 partite dei Mondiali 2022

 

La Coppa del mondo FIFA 2022 sarà la 22 ͣ edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili. La fase finale del torneo si svolgerà in Qatar dal 21 novembre al 18 dicembre 2022. Per la prima volta, a causa della zona molto calda, i mondiali non potranno disputarsi nei mesi di giugno-luglio in quanto le temperature sarebbero proibitive. Qatar 2022 sarà l’ultima edizione a prevedere la partecipazione di 32 squadre. Infatti dal 2026 il Mondiale verrà esteso a 46 squadre. Per quanto concerne gli stadi, oltre al già pronto Khalifa International Stadium, altri 7 ospiteranno i Mondiali nello stato qatariota. Tutti gli stadi avranno impianti di raffreddamento a emissioni zero, inoltre saranno collegati al sistema autostradale del Qatar al fine di facilitare l’accesso agli spettatori.

 

Polemiche e controversie

L’assegnazione del torneo allo stato del Qatar ha suscitato immediatamente forti polemiche, dapprima dall’allora presidente USA Barack Obama. Furono sollevate accuse di corruzione da parte del Sunday Times, il quale sosteneva di avere prove in merito al sabotaggio delle candidature. Ma queste non furono le uniche polemiche. Infatti anche la costruzione degli stadi, in vista dei Mondiali 2022, ha suscitato grande sdegno. In primo luogo ai lavoratori era riservato un pessimo trattamento economico. In secondo luogo vigeva una scarsissima sicurezza sul lavoro, si ipotizza addirittura la morte di migliaia di operai. In base a ciò il 20 giugno 2021 la federazione calcistica norvegese voterà la possibilità di boicottare i mondiali. Non solo, anche altri paesi quali la Danimarca e la Germania, stanno attuando iniziative simili.

 

L’assegnazione dei diritti TV

La FIFA ha annunciato l’assegnazione in esclusiva alla Rai di tutte e 64 le partite dei Mondiali 2022, in programma in Qatar. Si stima che la cifra spesa dalla Rai per ottenere il primato di uno degli eventi più attesi dagli italiani, si aggiri intorno ai 170-180 milioni di euro. A pesare sulla decisione di alzare l’offerta, è probabilmente il periodo temporale in cui si svolgeranno i mondiali: la fase pre-natalizia è infatti sempre stata molto florida. L’azienda della Rai avrà facoltà di sub-licenza, ciò significa che potrà decidere di co-trasmettere alcune partite. Amazon Prime, che sembrava essere in corsa per acquistare un pacchetto di partite secondarie, può ancora tentare di trovare un accordo con la Rai.

 

Vuoi condividere questo articolo?