Coronavirus, la ripresa dei Campionati Europei

I Campionati Europei vanno verso la ripresa, ogni nazione sta prendendo decisioni diverse per quanto riguarda la ripartenza. La Bundesliga è già tornata in campo, mentre la federazione inglese spinge per un celere riavvio della Premier. In Italia, la Serie A riprenderà non prima del 13 giugno, mentre la Sconzia ha già decretato la squadra campione

 

 

20 Mag. – Il mondo dello sport si sta riorganizzando. Se da un lato alcune discipline non si fanno scrupoli della pandemia in atto, come nel caso dell’UFC negli Stati Uniti, dall’altro ci sono discipline, vedi il calcio, che, pur avendo fretta di riprendere i campionati, stanno tornando alla normalità lentamente, tenendo sempre sott’occhio il numero dei contagi. Nonostante tutto in entrambi i casi: show must go on. Dopo il ritorno in campo delle squadre tedesche, anche le altre federazioni europee si stanno mobilizzando per far riavviare i campionati di calcio.

 

 

Inghilterra, primi passi verso la ripresa

La Premier League fa un altro passo verso il suo ritorno. Lunedì scorso i club della Premier League hanno votato all’unanimità per far riprendere gli allenamenti in piccoli gruppi da questa settimana. Un fatto che evidenzia come ci sia la reale volontà di percorrere i primi passi verso la normalità. Uno step che ha voluto spingere verso il riavvio della massima serie.

Allenamenti collettivi, ma a piccoli gruppi, questa la prima intenzione per tornare a giocare. Prevista una consultazione completa che continuerà ora con giocatori, manager, club, PFA e LMA man mano che vengano sviluppati protocolli per la formazione a contatto completo.

 

 

In Italia il premier Giuseppe Conte blocca le partite fino al 13 giugno.

Il nuovo Dpcm, presentato da Conte domenica scorsa, ha bloccato per altre settimane la Serie A. Da questo nuovo testo si evince che non ci saranno partite di calcio fino al prossimo 14 giugno. “Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati”, queste sono state le dichiarazioni di Conte. Al momento, dunque, sono permessi solo gli allenamenti, nel rispetto delle norme di sicurezza previste.

 

 

Scozia, stop al campionato Celtic Campione 2019/2020

Anche la Premiership scozzese dice stop alla stagione 2019/20. L’SPFL (Scottish Professional Football League) ha annunciato lunedì che, in seguito alla consultazione con tutti e 12 i club, la massima serie è conclusa con effetto immediato. Come avvenuto per Championship, League One e League Two. I piazzamenti finali della stagione sono stati determinati in base ai punti per partita nelle gare di campionato giocate fino al 13 marzo 2020 da ogni club.

Murdoch MacLennan, presidente della SPFL, ha commentato: ”in primo luogo, vorrei cogliere l’occasione per congratularmi ufficialmente con il Celtic. Avremmo preferito tutti veder terminare la stagione in campo. Il Covid-19 ha provocato il caos nelle competizioni sportive in tutto il mondo e le ripercussioni si faranno sentire a lungo. Le restrizioni del governo scozzese e le profonde preoccupazioni per la sicurezza sia dei giocatori che degli spettatori non hanno lasciato all’SPFL un’opzione realistica”.

 

Germania, in Bundesliga si alle partite, l’attenzione va agli spalti

Al momento la competizione tedesca è l’unica ad aver riaperto i battenti in Europa con il derby della Ruhr, tra Schalke 04 e Borussia Dortmund. Gli occhi di tutto il mondo del calcio erano puntati sul Signal Iduna Parkl.

La partita si è conclusa con una sconfitta per 4a0 in sfavore dello Shalke 04. Un match che ha portato i giocatori del Dortmund, a fine partita, ad andare ad omaggiare il famoso ‘muro giallo’, la curva della BVB. Una scena che verrà ricordata negli anni futuri.