Coronavirus, È scontro sulle riaperture. Molte regioni vogliono ripartire, ma ISS e Speranza frenano

Dopo le ordinanze di Santelli e Kompascher, anche Zaia e Bonaccini si uniscono al coro: “anticipiamo le riaperture”. Frenano Lombardia e Liguaria:”Non siamo pronti”. Brusaffero e Speranza:”Ci vuole responsabilità, prima del 18 non se ne parla”. Cinema e teatri, forse a Giugno

 

 

 

9 Mag. – Mentre continua, a piccoli passi, l’approccio degli italiani con la Fase 2, novità importanti arrivano dal fronte Regioni. Continuano, infatti, le pressioni dei vari Presidenti regionali sul tema riaperture.

 

 

Zaia e Bonaccini si uniscono al “Fronte delle riaperture”

Nella mattinata di oggi, Zaia ha dichiarato:“Sono in contatto costante con gli altri Presidenti, siamo tutti d’accordo sul fatto che il 1 Giugno sia una data troppo distante, in primis per bar e ristoranti”. Dello stesso avviso anche Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna, che chiede “trasparenza e flessibilità” al Governo, ribadendo l’auspicio anticipato nei giorni scorsi, riguardo la possibilità, dopo il 18 Maggio, di far decidere autonomamente le Regioni sulle riaperture. Dalle parole sono passati ai fatti, non soltanto Jole Santelli in Calabria (la cui ordinanza è stata oggi bocciata dal Tar), ma anche Armo Kompascher il governatore altoatesino che ha ordinato la riapertura anticipata di bar, ristoranti, negozi e parrucchieri nella provincia di Bolzano.
Così come per la collega calabrese, anche il provvedimento di Kompascher finirà davanti al giudice. Il ministro delle Autonomie Francesco Boccia ha, infatti, impugnato l’ordinanza, non essendo ancora pronte le linee guida nazionali sul lavoro.

 

 

Frenate in Liguria e Lombardia

Dopo lo sfogo del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, sui “pienoni” registrati ai Navigli nella giornata di ieri, anche Attilio Fontana Governatore della Lombardia si è appellato ai cittadini chiedendo “buonsenso e rispetto del momento delicatissimo che si sta vivendo”. Lasciando trapelare incertezza sul tema riaperture, le quali erano state ampiamente caldeggiate nelle scorse settimane.
Anche Giovanni Toti in Liguria, rispetto a giovedì scorso, sembra aver cambiato idea: “L’obiettivo riaperture non può essere raggiunto prima del 18 Maggio, non siamo pronti”.

 

 

Governo e ISS chiedono pazienza

Si è espresso in mattinata Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: “Il paese deve ripartire, siamo d’accordo, ma il virus non ha cambiato caratteristiche. Violare le regole della prevenzione faciliterebbe la sua circolazione”. Dichiarazioni che cercano di ridimensionare le pretese delle Regioni in tema riaperture. Questo ridimensionamento è stato peraltro appoggiato anche dal Ministro della Salute, Roberto Speranza:“La linea del Governo non è cambiata, prima del 18 non sono previste nuove riaperture. Dobbiamo gestire con grande attenzione e gradualità questa fase. Ora serve responsabilità per evitare di rovinare i sacrifici fatti finora, nessuna fuga in avanti”.

 

 

Piccole speranze sul fronte cultura

Si apre uno spiraglio per l’ipotesi della riapertura di cinema e teatri a giugno: come per le chiese, saranno previste regole precise per permettere agli spettatori, così come sarà per i fedeli, di partecipare a spettacoli rispettando distanziamenti e sicurezza. “Sono in corso delle valutazioni – spiega Brusaferro – per permettere la partecipazione a tali eventi con numeri limitati di persone, in luoghi confinati, previo rispetto delle regole”.

 

 

Razionalità non illusioni

Il presidente dell’ISS ha precisato:“La curva del contagio è in decrescita costante, ma pensare di aver vinto la battaglia è fuori luogo. Molto dipenderà dalle prossime settimane in cui capiremo gli effetti dell’allentamento delle misure restrittive”. Il governo, probabilmente a metà della prossima settimana, tirerà dunque le somme e predisporrà il nuovo Dpcm. In ogni caso, è impensabile di allentare ulteriormente le misure prima del 18 maggio. Per buona pace delle Regioni che si stanno battendo per anticipare i tempi.

Vuoi condividere questo articolo?