Franca Valeri, Morta la celebre attrice milanese

Aveva da poco compiuto i cent’anni. Si è spenta a Roma, dove viveva; domani dalle 17 la camera ardente al teatro Argentino di Roma, mentre i funerali si terranno in forma privata



9 Ago. – Da poco aveva raggiunto il secolo d’età. Franca Valeri è stata pioniere della comicità femminile, dando il La ad un filone teatrale e cinematografico fatto di donne e vita. Non amava definire i suoi personaggi come maschere, imitazioni, bensì rappresentazioni variegate delle molteplici facce di una donna italiana. Milanese di nascita (si è sempre sentita tale), ma adottata dal’Urbe, ha trascorso qui la maggior parte della sua vita, anche se la movida milanese del dopoguerra le ha permesso di portare al teatro quei personaggi ideati proprio durante il secondo conflitto mondiale, di cui fu anche vittima per mezzo delle leggi razziali, che riuscì ad evitare grazie a documenti falsi.



I mille volti della femminilità

Proprio l’immagine della donna è stata per Franca Valeri il crogiolo di personaggi indimenticabili, tutti con una personalità e fini diversi, che dipingevano i tratti della femminilità italiana. La Signorina Snob, la sora Cecioni, Cesira sono solo alcune delle rappresentazioni famose e immortali della Valeri, ricordata al Cinema grazie a Il vedovo, Il Segno di Venere, Piccola Posta, e altri. Non solo attrice, però, ma anche autrice di libri. Sono dieci le pubblicazioni che portano il suo nome, tutte in qualche modo legate alla sua vita privata e lavorativa, due anime indissolubilmente legate fra di loro, come Il diario della signorina Snob.