Autore: Stefano Renzi

Si terrà il 13 maggio, presso lo stadio di atletica “Nando Martellini” a Roma, la seconda edizione della “Giornata dello Sport Mario Pappagallo”, la manifestazione sportiva multidisciplinare organizzata dal Comitato Provinciale Csen Roma in onore del suo ex Presidente, scomparso due anni fa. La manifestazione, una vera festa dello sport e dell’inclusione sociale, è organizzata dai referenti tecnici Csen di Roma delle varie discipline (con il sostegno delle associazioni che collaborano con l’Ente) ed è aperta a tutti ad ingresso libero. Nello Stadio di atletica situato all’interno delle Terme di Caracalla, saranno allestite tre aree: una sportiva, una olistica e una dedicata…

Leggi l'articolo

Martedì scorso si è diffusa in rete la notizia della bambina musulmana di Padova data in sposa a un 35enne che avrebbe più volte abusato di lei (la notizia completa qui). La vicenda, pubblicata da moltissimi giornali come Il Giornale, Il Gazzettino, Il Fatto Quotidiano,  Il Secolo d’Italia, Il Messaggero è stata in breve tempo diffusa su numerosi i canali di comunicazione inducendo altri giornali come La Stampa, La Repubblica o ancora Tgcom24 a fare lo stesso. Come loro anche noi abbiamo fatto altrettanto, contribuendo alla diffusione dell’ennesima e infelice fake news. Questa è: una bufala. Una bufala che martedì l’ha…

Leggi l'articolo

In prossimità del 25 novembre, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, si torna a parlare di femminicidio, questa volta però in attinenza all’azione svolta dai media e al loro ruolo nella denuncia. Il 6 ottobre scorso la nota testata americana del New York Times ha denunciato per la prima volta quella che sarebbe di lì a poco divenuto il caso Weinstein. Le accuse di violenze a carico del produttore hollywoodiano hanno dato il via ad una campagna di denunce che si è amplificata via radio, tv, web e social. La denuncia è diventata in breve tempo…

Leggi l'articolo

“Volete che la Catalogna sia uno Stato indipendente in forma di repubblica?”. Esattamente un mese fa il 92,01% popolo catalano ha risposto “ÒC” (sì) a questa domanda decretando in definitiva l’indipendenza della regione spagnola. Il referendum è stato fin da subito definito illegale dal governo spagnolo in quanto incostituzionale. Secondo l’articolo 155 della Costituzione della Spagna non non è infatti possibile per il Paese votare sull’indipendenza delle proprie regioni. Artículo 155 Articolo 155 1. Si una Comunidad Autónoma no cumpliere las obligaciones que la onstitución u otras leyes le impongan, o actuare de forma que atente gravemente al interés general de España, el…

Leggi l'articolo

Ieri sera, intono alle 21, un’esplosione ha coinvolto la stazione centrale di Bruxelles, provocando in breve tempo il panico nella capitale belga. Il colpevole, un uomo sui 36 anni, portava con sè una valigia che avrebbe fatto esplodere dopo l’avvicinamento di gruppo di militari insospettiti. L’esplosione non ha causato alcuna lesione all’uomo che è stato immediatamente neutralizzato dagli agenti. Il presunto terrorista, in base a quanto riportato, sembrerebbe aver gridato “Allah Akbar”. Per fortuna il colpo non ha provato alcun ferito. La stessa sorte probabilmente non sarebbe toccata se il 36enne non fosse stato fermato. Dalla perquisizione dello zaino che…

Leggi l'articolo

Un film tratto da una storia vera: la tua Dal 27 aprile è in proiezione nelle sale di tutto il Paese “Piigs- ovvero come imparai a preoccuparmi e a combattere l’austerity”, il nuovo documentario che racconta il disastro economico e finanziario che ha travolto l’Italia e l’Europa dal 2009. Il film, diretto e prodotto dai tre filmmaker Adriano Cutraro, Federico Greco e Mirko Melchiorre, è frutto di ben cinque anni di ricerche e due di riprese durante le quali i tre registi hanno analizzato e riformulato la storia economica dell’Eurozona degli ultimi dieci anni. Piigs, a più di un mese dalla…

Leggi l'articolo

Settimo Torinese – “Sì, sono io la donna che cercate. Sono io la mamma del neonato”. Sembrano essere state queste le parole a incriminare la donna che ieri, nel Settimo torinese, ha abbandonato il figlio neonato sul ciglio di via Turati. La 34enne Valentina Ventura, residente proprio civico 2 di via Turati, ha confessato nell’interrogatorio di aver gettato il colpo del suo bambino dal balcone. È una storia agghiacciante quella che nella mattinata di martedì si è consumata nel comune piemontese. Erano circa le 6:30 quando degli operatori ecologici a lavoro hanno soccorso sull’asfalto di via Turati il corpicino di un bambino.…

Leggi l'articolo

Giovedì scorso il relatore Andrea Mazziotti ha presentato il testo base dell’ Italicum bis, la nuova legge elettorale che prevede l’estensione dell’ Italicum anche al Senato. È di ieri però la decisione di Mazziotti di non voler supportare una legge senza l’appoggio del Pd, Lega, Svp e Ala. “Non ho intenzione di portare avanti un testo che il Pd non approva, perché non sono un incosciente” ha annunciato il relatore in commissione Affari costituzionali. Già da tempo il Pd si era schierato contro il testo base di Mazziotti, con la proposta di riforma elettorale che prevede un 50% di collegi uninominali…

Leggi l'articolo

Sotto la copertura di un’associazione culturale di servizi per migranti, organizzavano viaggi di decine di africani dalla Somalia al Nord Europa, fornendo assistenza, documenti falsi, biglietti di viaggio e riscuotendo le somme attraverso il sistema del ‘money transfer’. È questa la strategia messa in atto dall’ organizzazione criminale di trafficanti finita tra le grinfie della polizia di Bari. Gli agenti, coordinati dalla direzione distrettuale antimafia, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 15 cittadini somali. A capo dell’organizzazione c’è Ismail Olhaye Hussein, il 33enne somalo residente a Bari, catturato insieme al coetaneo Ahmed Siyad Mohamed e al 27 enne Muhumed Okar Mohamed, entrambi…

Leggi l'articolo

Dopo tre anni Boko Haram rilascia 82 delle oltre 250 studentesse rapite il 14 aprile 2014 a Chibok, in Nigeria. Secondo quanto riportato da un comunicato del governo diffuso dalla stampa locale, la liberazione delle giovani sembrerebbe essere il risultato di negoziati tra il gruppo islamico e lo stesso governo federale. Quando, nel 2014, il vento omicida di Boko Haram ha raggiunto Chibok, gli islamisti si erano posti l’obiettivo di trovare giovane “merce” da vendere al mercato degli schiavi. Così è iniziata la segregazione delle 276 studentesse che presto si è trasformata in violenza fisica, mentale e morale. Nel mondo…

Leggi l'articolo