Autore: Francesco Pieri

Ancora allarmi bellici, ancora prove di lanci. Il nuovo missile messo in atto dalla Corea del Nord si è inabissato questa mattina tra le isole di Oki e Sado, nella zone di sfruttamento economico esclusivo del Giappone. Il lancio sarebbe avvenuto, secondo l’agenzia Yonhap, dalla città costiera nordcoreana orientale di Wonsan e avrebbe volato circa per sei minuti, percorrendo una distanza di 450 chilometri prima di cadere. Si è tratterebbe di un “missile balistico a corto raggio” di tipo Scud, nuova frontiera delle armi belliche. Nell’ultimo periodo Pyongyang sta conducendo test a un ritmo senza precedenti nel tentativo di sviluppare…

Leggi l'articolo

C’è chi dice che la lingua ferisce più della spada, chi invece crede che siano più importanti i gesti delle semplici parole. Altri affermano che se si è abbastanza forti niente può ferire veramente e subire è solo una scelta consapevole. I personaggi di “Tredici” sono tutti così vulnerabili, perché sono adolescenti nel pieno dell’età più complicata perché a 17 anni si è incompleti, inconsapevoli. La produzione, dopo il grande successo, si è affrettata a confermare una seconda serie per il 2018 mentre il romanzo da cui è tratta “YA” di Jay Asher è subito schizzato in vetta alle classifiche.…

Leggi l'articolo

Non c’è niente da fare: il fenomeno Gabbani non ha intenzione di fermarsi. Dopo il doppio successo di Sanremo, le oltre 100 milioni di visualizzazioni su You Tube e il nuovo cd “Magellano” schizzato in vetta alle classifiche degli album più venduti, questo sabato 13 maggio, infatti, il cantante toscano si appresta a presentare anche al pubblico europeo dell’ Eurovision Song Contest la sua “Occidentali’s karma”. La canzone è già diventata un tormentone anche all’estero, dove è stata trasmessa in Argentina, Australia, Bosnia Erzegovina, Danimarca, Belgio, Irlanda, Norvegia, Serbia e Ungheria. Tutti i bookmakers lo presentano come il superfavorito, e…

Leggi l'articolo

Nella partita dello scorso sabato giocata all’Old Trafford contro lo Swansea, Il Manchester United è tornato ad occuparsi di uguaglianza LGBT lanciando la campagna “All Red All Wequal”. Il motto è stato affisso all’ingresso dello stadio e sulle magliette dei calciatori per volere del direttore del club Richard Arnold che ha spiegato l’iniziativa con queste parole «Il lavoro sull’uguaglianza fatto dal club è qualcosa di cui siamo tutti immensamente orgogliosi. Tutti possono giocare la loro parte, dai giocatori al personale, fino ad arrivare a tutti i nostri sostenitori. L’Old Trafford è una casa per tutti i nostri fan e siamo…

Leggi l'articolo

Cambiano le mode, le stagioni e cambia anche la lingua. Il supervisore della lingua italiana è l’Accademia della Crusca, questa presenza pensata come una roccaforte in cui vivono maestri tutti infiocchettati e altolocati istruiti con la puzza sotto il naso che scartabellano polverosi dizionari per garantire la purezza della lingua. E invece no, perché l’Accademia della Crusca, sconosciuta ai più fino al fenomeno “petaloso”, è un insieme di vecchie e giovani menti che collaborano non per creare la lingua, ma semplicemente per registrarla. Stefania Iannizzotto, giovane studiosa dell’Accademia, spiega infatti che «la Cru­sca non sta­bi­li­sce qua­li neo­lo­gi­smi fa­ran­no par­te o…

Leggi l'articolo

Questa sera si terrà la cerimonia di premiazione della 61ª edizione dei David di Donatello, per il secondo anno consecutivo prodotta e trasmessa da Sky, che svelerà in diretta chi vincerà tra i candidati resi noti dall’Accademia del Cinema Italiano lo scorso febbraio. Il testa a testa è tra “Indivisibili” di Edoardo De Angelis e “La pazza gioia” di Paolo Virzì, entrambi a 17 candidature. Li segue, a quota 16 “Veloce come il vento” di Matteo Rovere, e “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio a quota 10. L’evento live, alla cui conduzione ci sarà ancora Alessandro Cattelan, sarà preceduto alle 20.50 dal red carpet, in compagnia di Francesco…

Leggi l'articolo

In una società abituata a celebrare qualsiasi avvenimento non poteva mancare l’istituzione di una Giornata della felicità. Voluta fortemente dall’Onu con una risoluzione del 28 giugno 2012, questa giornata si pone l’obiettivo di ricordare che la quotidianità non è solo una corsa contro crisi economiche, inefficienza politica e terrorismo ma anche una sorprendente passeggiata verso quelle piccole cose che ogni giorno incontriamo lungo il cammino e che, senza chiedere permesso, ripongono un po’ di pace e serenità nei passi. Nessuno fino ad oggi riesce ancora a spiegarne l’esistenza: gruppi di ricerca di psicologi, ma anche di biochimici e genetisti, ogni…

Leggi l'articolo

Il 6 marzo si celebra la Giornata europea dei Giusti, una festività proclamata nel 2012 dal Parlamento europeo per commemorare coloro che si sono opposti ai crimini contro l’umanità e ai totalitarismi. E’ stato scelto il 6 marzo perché in questo giorno ricorre l’anniversario della morte di Moshe Bejski, colui che ha fondato il Giardino dei Giusti di Gerusalemme per rendere omaggio a coloro che hanno aiutato gli ebrei durante l’Olocausto. L’italia c’entra molto con questa giornata: Umberto Eco, Dario Fo e molti altri si sono battuti molto per far approvare la richiesta dal Consiglio d’Europa, considerando quanto il ricordo…

Leggi l'articolo

Il 6 marzo si celebra la Giornata europea dei Giusti, una festività proclamata nel 2012 dal Parlamento europeo per commemorare coloro che si sono opposti ai crimini contro l’umanità e ai totalitarismi. E’ stato scelto il 6 marzo perché in questo giorno ricorre l’anniversario della morte di Moshe Bejski, colui che ha fondato il Giardino dei Giusti di Gerusalemme per rendere omaggio a coloro che hanno aiutato gli ebrei durante l’Olocausto. L’italia c’entra molto con questa giornata: Umberto Eco, Dario Fo e molti altri si sono battuti molto per far approvare la richiesta dal Consiglio d’Europa, considerando quanto il ricordo…

Leggi l'articolo

Nella notte è andata in onda la 89° edizione della cerimonia degli Oscar tra lacrime, molte, discorsi politici, troppi, e qualche imprevisto. Il finale, infatti, ha del clamoroso: viene annunciato come miglior film “La la land”, ma il produttore del film Fred Berger si accorge dell’errore e chiama sul palco il vero vincitore: “Moonlight” di Barry Jenkins. Questo dimostra come anche i più grandi, anche le celebrità che tanto vengono acclamate, possono sbagliare. Le star che invece non sbagliano un colpo sono quelle di sempre: da Meryl Streep a Nicole Kidman, da Leonardo Di Caprio a Jennifer Aniston. Manca all’appello…

Leggi l'articolo