Autore: Chiara Passaro

La polizia di Manchester conferma l’identificazione delle 22 vittime dell’attentato avvenuto lunedì scorso. Georgina Callander, 18 anni, è la prima vittima riconosciuta. Saffie Roussos, 8 anni, è la più giovane. Nell Jones, 14 anni, era al concerto con le stampelle. Sorrell Leczkowski, 14 anni, era al concerto con la mamma e la nonna, ora in gravi condizioni. Olivia Campbell, 15 anni. Kelly Brewester, 32 anni, morta dopo aver fatto da scudo alla nipote di 11 anni, illesa. Le due amiche Alison Howe, 45 anni, e Lisa Lees, 43, non avevano assistito al concerto, sono state uccise mentre attendevano l’uscita…

Leggi l'articolo

Yuri Guaiana, attivista italiano dell’Associazione Radicale Certi Diritti, è rientrato in Italia dopo essere stato fermato per qualche ora dalla polizia a Mosca. L’uomo, insieme ad altri quattro cittadini russi, è accusato di aver organizzato una manifestazione di massa non autorizzata e di aver fatto resistenza ad un pubblico ufficiale. Fatti smentiti dall’attivista. “Sono appena stato rilasciato, adesso sto correndo in albergo su una macchina messa a disposizione dal consolato che ringrazio per l’assistenza, faccio i bagagli e cerco di uscire il prima possibile dal Paese, che è fondamentale, perché c’è un processo a mio carico – sono le…

Leggi l'articolo

Oggi il Telefono Azzurro ha presentato al Senato il dossier “Abuso sessuale e pedofilia” riferito al 2016. I casi di abuso sessuale e pedofilia gestiti dalla Onlus sono stati 301. Si è registrato un aumento del 3.4% rispetto all’anno precedente. La gran parte delle vittime continua ad essere di nazionalità italiana, 1 segnalazione su 10 riguarda bambini e adolescenti stranieri. Le Regioni più colpite sono Lombardia, Veneto e Lazio. In notevole aumento le segnalazioni che riguardano un responsabile estraneo che coincide con l’elevato numero di casi di abusi nati attraverso internet (adescamento e pedopornografia), luogo in cui i…

Leggi l'articolo

Ieri si è conclusa la requisitoria del procuratore aggiunto Paolo Ielo e dei sostituti Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli nell’aula bunker di Rebibbia riguardo il processo Mafia Capitale. Sono 515 gli anni di carcere complessivi chiesti dalla Procura di Roma per i 46 imputati, che avrebbero condizionato per anni la gestione di appalti e risorse della pubblica amministrazione. Le accuse vanno dalla corruzione alla turbativa d’asta, l’usura, fino all’associazione di stampo mafioso (contestata a 19 dei 46). Mai come in questo processo si sono avute tante prove per dimostrare la corruzione tra funzionari pubblici e imprenditori corrotti. Intercettazioni, pedinamenti e…

Leggi l'articolo

Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Francesco Andriotta, Calogero Pulci, Vincenzo Scarantino: sono gli imputati della strage di Via D’Amelio, dove persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque uomini della scorta. Ieri, la Corte d’assise di Caltanissetta, con a capo Antonio Balsamo, ha espresso il verdetto finale. A quasi 25 anni dall’eccidio, i giudici accolgono la nuova versione espressa nel 2008 dal pentito Gaspare Spatuzza. Madonia, capomafia palermitano della cosca di San Lorenzo, viene considerato uno dei mandanti dell’attentato e quindi condannato all’ergastolo. Stessa sorte per il suo braccio destro, Tutino, che avrebbe partecipato alla fase esecutiva della strage. Gli altri…

Leggi l'articolo

Nella notte gli Stati Uniti hanno lanciato un’offensiva contro la base militare siriana di Shayrat, accusata di aver autorizzato raid con armi chimiche. 59 missili sono partiti da nave Usa presenti nel mediterraneo. Secondo il ministero della difesa, “solo 23” dei 59 missili hanno raggiunto la base, gli altri sarebbero caduti in luoghi sconosciuti. L’agenzia Sana, Syrian Arab News Agency, afferma che i ‘luoghi sconosciuti’ sono abitazioni civili nei villaggi circostanti, e il bilancio è di 15 vittime, tra cui 4 bambini. L’attacco chimico preso in considerazione è quello effettuato del 4 aprile scorso nella zona di Idlib che ha…

Leggi l'articolo

Oggi, al Regina Coeli, avverrà l’interrogatorio di Mario Castagnacci (27) e il fratellastro Paolo Palmisani (20), entrambi accusati del brutale omicidio del ventenne Emanuele Morganti. Era venerdì sera quando i due sospettati e altri sette indagati hanno picchiato fino alla morte la vittima. Secondo l’autopsia, effettuata ieri nell’istituto di medicina legale della Sapienza di Roma, sarebbero stati una decina i colpi che hanno sfigurato il ragazzo durante i 15 minuti del pestaggio avvenuto fuori ad un locale di Alatri, il ‘Mirò’. Il colpo mortale alla testa. “Ho predisposto accertamenti per verificare se ci sono i presupposti per l’invio degli ispettori…

Leggi l'articolo

Prosegue l’offensiva delle forze speciali irachene per combattere l’isis anche nella parte ovest di Mosul. Ieri, 23 marzo, la televisione curdo irachena riporta la morte di almeno 200 persone, in gran parte civili, uccisi in raid aerei. L’emittente Rudaw, che riporta i fatti accaduti poche ore fa, non precisa se l’operazione sia stata compiuta dall’aviazione irachena o da jet della Coalizione internazionale a guida Usa. L’inviato, Hevidar Ahmed, sostiene che i raid abbiano colpito il quartiere Al Jadida, uccidendo circa 200 persone in due diversi edifici. Solo la scorsa settimana, l’ONG Osservatorio Iracheno per i Diritti Umani parlò di almeno…

Leggi l'articolo

Stamane, alle ore 11, sono stati rinvenuti due cadaveri a Rue Montreuil, Parigi. Si tratta di padre e fratello del presunto responsabile, arrestato sul luogo del delitto. «C’era sangue dappertutto» racconta uno dei testimoni «Sono sceso e ho visto un corpo nell’androne delle scale, un corpo nel cortile è una persona seduta accanto mentre intorno c’erano vigili del fuoco e agenti di polizia». Dalle prime indagini risulta che l’uomo avrebbe sgozzato il padre e il fratello per poi sedersi accanto ai corpi, senza opporre alcuna resistenza nel momento dell’arresto. Il movente non è ancora chiaro. ‘Il Figaro’ e ‘Le Parisien’ raccontano che…

Leggi l'articolo