” Hotline” , l’app lanciata da Facebook per contrastare Clubhouse

La nuova web application consente di parlare con il pubblico, interagendo con domande poste a voce, oppure tramite via testo.

Hotline

Il NPE ( new product experimentation) , il team di ricerca interno a Facebook, ha reso nota e accessibile al pubblico ” Hotline”, attesa anche in Italia . L’app è descritta come l’unione di Instagram e Clubhouse. Difatti l’iniziativa è ispirata da Facebook che intende limitare la diffusione di Clubhouse. Il progetto dell’app è diretto da Eric Hazzard, il quale è entrato a far parte di Facebook quando l’azienda di Mark Zuckerberg ha acquisito tbh, grande app conosciuta dai giovani raggiungendo, in appena 9 mesi, 2.5 milioni di utenti. Hotline non pone un limite di partecipanti

 

Caratteristiche grafiche dell’app

La sua grafica ricorda molto Clubhouse, infatti nella parte superiore della schermata vengono mostrate tutte le info di chi parla. Colui che ospita l’evento è riconoscibile con un’immagine di forma circolare o, in caso di video, con lo streaming. Nella parte inferiore ci sono gli ascoltatori. Si potrà accendere le videocamere mostrandosi in video. L’app includerà una bacheca in cui è possibile vedere tutte le dirette del momento e anche le varie stanze nelle quali si possono vedere tutti i partecipanti della sessione.

 

Differenze con Clubhouse

Le diversità tra le due app saranno sostanziali. Gli utenti di Hotline possono reagire con emoji ( ad esempio il fuoco, la risata, il cuore). Le sessioni vengono registrate e successivamente all’evento il creatore riceverà 2 file, di diverso formato, uno in mp3 e l’altro mp4. Inoltre un’altra peculiarità riguarda gli ascoltatori che verranno suddivisi tra coloro i quali, in modo attivo, partecipano alla sessione e chi invece si limita all’ascolto. Un’altra differenza che si aggiunge a quelle già elencate riguarda l’iscrizione all’app; per potersi iscrivere infatti occorrerà avere un profilo Twitter (e non Facebook) rivolgendosi così ad un pubblico che fa parte del settore business, puntando a creator del mondo dell’imprenditoria.

 

Vuoi condividere questo articolo?