Coronavirus, Il Ministro della Salute tedesco è fiducioso: «Possibile autorizzazione del vaccino entro 2020»

La Germania potrebbe essere il primo stato che affronterà la prima ondata di vaccinazioni. Il ministro delle finanze Scholz, in accordo con con il collega della Salute, Spahn, conferma che i centri abilitati possono essere già operativi a dicembre



24 Nov. – La stampa europea prevedeva già all’inizio di novembre che la Germania sarebbe stata uno dei primi stati ad accogliere le dosi di vaccino contro il COVID-19, e le dichiarazioni di ieri del ministro della Salute, Jens Spahn, fanno ben sperare. 




Spahn: “Siamo ottimisti”. La Germania corre verso la diffusione del vaccino

“C’è ragione di essere ottimisti sul fatto che il vaccino possa essere autorizzato già entro la fine di dicembre. E a quel punto si può partire subito”, ha dichiarato il capo de dicastero, appoggiato dal portavoce delle finanze Olaf Scholz. Quest’ultimo ha affermato di aver organizzato i centri predisposti per l’accoglienza dei pazienti da vaccinare già per il mese di dicembre. Ad ottobre la situazione non era così positiva e proprio le autorità mediche dichiaravano di essere in una situazione critica. Circa il 40% della popolazione era a rischio di contrarre il coronavirus in Germania data la grande percentuale di popolazione sopra i 60 anni. Lil paese dopotutto è il secondo paese più “vecchio” al mondo. Il rischio era di non riuscire a mantenere un controllo ed uno spazio di cure equo all’interno delle terapie intensive che si affollavano sempre di più. Ad oggi i la preoccupazione non è scomparsa. C’è la prospettiva di una veloce soluzione per l’immunizzazione della popolazione tedescarende il clima politico e sociale più mite.





Quando sarà pronto? Tutti convergono nei primi mesi de 2021. Già pronti 60 centri vaccinali

La data certa non si conosce ancora perché molte sono le voci e le dichiarazioni che vengono fatte. Spahn, attraverso il portavoce del ministero rende noto che le prime dosi di vaccinazioni verranno effettuate all’inizio del 2021, affermazione che però si discosta da quanto appreso dal giornale tedesco Bild. Sembra infatti che da una riunione dei ministri della Salute dei governi federali e regionali tedeschi sia uscito fuori una data ancora diversa. In quella sede Spahn avrebbe infatti parlato del vaccino della Biontech di Magonza, con le prime dosi pronte da somministrare già prima della fine dell’anno. Indipendentemente da quando, saranno circa 60 i centri vaccinali in tutto il paese che potranno affrontare le prime immunizzazioni. La lista delle aziende sanitarie a cui consegnare i vaccini è già stata stilata dal 10 novembre e dunque non resta che aspettare che la sanità tedesca dia il via a questa nuova era del covid-19.