Medaglia d’oro per Federica Pellegrini

Roma, 25 luglio- Due anni dopo aver trionfato a Budapest, Federica Pellegrini ha vinto per la quarta volta la medaglia d’oro nei 200 metri stile libero, ai Mondiali di nuoto a Gwangju, in Corea del Sud. Dopo aver vinto la semifinale, la fuoriclasse veneziana si è classificata prima con un tempo eccellente davanti a Titmus e Sjostrom.

View this post on Instagram

AMORE ❤️

A post shared by Federica Pellegrini (@kikkafede88) on

 

“Io non ci credo ancora – esulta Pellegrini – perché in acqua ho fatto quello che ho voluto, sentendomi come volevo 50 dopo 50. Incredibile il tempo che ho fatto, significa che tutto il lavoro che stiamo facendo paga tanto, come non mai. Sono molto contenta perché è il mio ultimo Mondiale, piango non per dispiacere ma per felicità” ha detto commuovendosi. “A me piace lavorare perché mi piace trarre i risultati del lavoro che ho fatto. Non sempre è arrivato nella mia carriera. Oggi me la stavo facendo sotto come non mai, abbiamo deciso di fare questa gara al Sette Colli. A 31 anni sono felice: Budapest è stato fortemente voluto ma mai avrei immaginato l’oro, arrivando qui sono successe cose strane una dietro l’altra e mi sono trovata a giocarmi qualcosa di importante quasi di passaggio. Il tempo mi sorprende ancora di più”

 

Le altre medaglie d’oro per l’Italia

Quella di ieri è stata una giornata indimenticabile per l’Italia. Un altro oro è stato infatti vinto da Gregorio Paltrinieri, che con 7’39”27 negli 800 stile libero ha stabilito il nuovo record europeo.

Sorridente, quasi incredulo a fine gara: “E pensare che dopo il Sette Collli non ci credevo neanche io”. Invece è arrivata una gioia enorme. “Sono contentissimo, sono andato forte da subito, ho acquisito presto un buon vantaggio, vedere il distacco che aumentava mi faceva ben sperare. Me la sono giocata tatticamente, era l’unica cosa che potevo fare e così ho fatto, ponendo subito un ritmo abbastanza alto. Erano quattro anni che non facevo bene gli 800 stile, sono molto contento”.

Sorprendente anche Simona Quadarella, che il giorno precedente ha vinto l’oro nella finale dei 1.500 sl con il tempo di 15’40″89, nuovo record nazionale. La favorita americana Katie Ledecky non si è presentata ai blocchi causa un’indisposizione.

“Neanche me la ricordo la gara, non ci sto capendo niente”, ha detto la romana dopo la gara. “Quando ho saputo che Ledecky non avrebbe gareggiato ho capito che avrei potuto vincere, di essere la favorita, però immaginarlo è una cosa e riuscirci ben altra. Se non c’era vuole dire che non era in grado di gareggiare. Sono stata fortunata, ma la fortuna va da chi si impegna”