Flashmob in tutt’Italia per riunirsi sui balconi e “suonarle” alla pandemia

Siamo rimasti increduli davanti a un’epidemia che è entrata all’improvviso nelle nostre vite sconvolgendole. Ci siamo spaventati, ci siamo fatti assalire da mille timori. Poi abbiamo deciso di reagire, proprio come testimoniato dai diversi flashmob che sono stati organizzati questo weekend con appuntamento sui balconi di tutt’Italia come cura alla paura, alla solitudine e alla distanza, per risvegliare quella voglia di vivere che ci contraddistingue.

Spalancare le finestre delle proprie abitazioni o affacciarsi sui balconi, uscire nei giardini e sulle terrazze per suonare il proprio strumento, cantare una canzone e condividere un momento di allegria per far sentire le persone meno sole. Il primo dei numerosi flashmob organizzati questo weekend è stato un enorme concerto gratuito disseminato per le città che ha coinvolto i cittadini per celebrare un momento di condivisione all’insegna della musica.

Si è trattato di un “flashmob sonoro” che ha fatto il giro dell; Italia riaccendendo gli animi e diffondendosi a gran voce, per raccontare l’importanza della libertà d’espressione e la bellezza della convivialità nonostante l’isolamento e lo stato di quarantena.

Così sono stati tutti invitati a prendere in mano un proprio strumento o a improvvisarne uno, per rompere quel silenzio che da qualche giorno a questa parte fa da sfondo alle nostre città deserte, dando il via ad un esperimento di socialità a distanza che ci ricorda che l’Italia è unita e che insieme possiamo fare la differenza.

Come hanno riportato sulla pagina facebook gli artisti di FanfaRoma, street band romana che ha organizzato l’evento «Non importa saper leggere la musica, suonare uno strumento o possederlo, basta anche cantare una canzone o far suonare le pentole di casa, l’importante è farci sentire perché la musica è la migliore medicina per curare l’anima e in questo momento ne abbiamo bisogno».

Anche Torino ha partecipato all’iniziativa, con musicisti che hanno risvegliato le vie, dai quartieri di Vanchiglia a San Salvario, grazie agli appelli che, nei giorni precedenti all’evento, si sono diffusi tramite i social. L’appuntamento, alle sei di pomeriggio, è stato testimoniato dalle foto e dai video che sono stati caricati sulle pagine Facebook delle diverse città per condividere la memoria di quest’esperienza tra chitarre, trombe, tamburi, violini e strumenti di ogni sorta. Un’esperienza per far riscoprire quel senso di comunità e quella gioia di condivisione che insieme, nonostante ogni distanza, siamo in grado di creare.