Roma, anche TorPignattara ha il suo manuale guida

Il volume verrà presentato, sabato 22 febbraio alle 18.30, presso il circolo espositivo la Rocca Fortezza Culturale. 

 

TorPignattara 13 feb.- Le “Guide Veraci” stanno interessando quasi tutte le zone della capitale. Prima il Centro Storico, poi Piazza Bologna e Centocelle ed ora anche TorPignattara ha la sua. Non è solo un libro che funge da “Cicerone”, da guida per orientarsi tra i vari ristoranti, locali ed esercizi commerciali ma un vero e proprio manuale sul quartiere che si prefigge di sottolinearne le qualità e le particolarità. Durante la stesura del volume, centrale è stato l’intervento dei cittadini che hanno contribuito a consigliare luoghi e specificità da inserire nel testo. Questo il titolo; “La Guida verace di TorPignattara. Un mappamondo di quartiere”, genere “guida turistica” e la prima pubblicazione è del dicembre 2019.
La consueta presentazione si terrà sabato 22 febbraio alle ore 18.30 presso il polo culturale e biblioteca la Rocca Fortezza Culturale, in via Carlo della Rocca 6, TorPignattara.

 

L’Ecomuseo Casilino

Le “Guide Veraci” sono un format e una collana di guide sui territori, curate da Alice Muzzioli e Francesca Gabrielli. Queste due persone vanno “alla ricerca” dei soggetti più attivi nelle zone al fine di avviare una collaborazione per lo sviluppo della guida. Nel caso di quella di TorPignattara, gli attori coinvolti sono stati Ecomuseo Casilino e la Rocca Fortezza Culturale, libreria della zona. Il volume di quest’area non riporta solo luoghi d’interesse. In realtà, si compone per oltre la metà di una guida al quartiere dal punto di vista storico, archeologico e paesaggistico. Sono stati “inseriti” i musei a cielo aperto di “street art”, il paesaggio naturalistico. Una parte è riservata all’indirizzario, in cui sono riportati tutti i luoghi d’interesse dal bar agli esercizi commerciali, passando per le feste organizzate fino ad arrivare alle associazioni culturali che si occupano del benessere dei cittadini.  Un’altra sezione è dedicata all’elemento storico di TorPignattara. Qui vi viene presentato il quartiere dall’antichità fino ad oggi, per legare il passato col presente. Questa parte presenta anche uno spaccato del patrimonio archeologico della zona. Nelle pagine, viene descritto il Mausoleo di Sant’Elena, simbolo di TorPignattara, le Catacombe dei santi Marcellino e Pietro, l’Acquedotto Alessandrino, la campagna urbana di TorPignattara, piccolo tesoro nascosto che contiene “scorci” di agro romano antico e casali. Il posto ricorda TorPignattara a inizio secolo, prima dell’urbanizzazione.

 

Mausoleo di Sant’Elena, simbolo di TorPignattara

Il libro si può dividere quindi in 3 macro-sezioni: patrimonio culturale del quartiere, mappatura d’interessi e una porzione riservata ai commenti, alle idee e alle visioni dei cittadini sul quartiere.

“Il motivo della nascita di questo libro-secondo il presidente dell’Ecomuseo Casilino, Claudio Gnessi- va ricondotto all’esigenza che avevamo di dare un taglio popolare, di diffusione larga. Abbiamo cercato di realizzare una divulgazione di questo patrimonio culturale in modo più semplice possibile, accessibile e avvincente per le persone che sfogliano il manuale”.