Sciopero globale per il clima

Roma, 27 settembre- Il movimento dei giovani per il clima Fridays For Future, ispirato da Greta Thunberg, torna oggi in piazza per il terzo sciopero globale. Solamente in Italia le città coinvolte sono più di 150. Il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha pertanto invitato i dirigenti scolastici a considerare giustificate le assenze degli studenti che parteciperanno alle manifestazioni.

Le richieste 

Come si legge sull’account twitter di Fridays For Future Italia, la richiesta principale dei giovani che scendono in piazza è che i governi facciano della lotta al cambiamento climatico il fulcro della loro azione politica. 

 

Sempre sul sito sono stati elencati i punti principali da risolvere: 

“1) Fuori dal fossile: raggiungimento dello 0 netto di emissioni a livello globale nel 2050 e in Italia nel 2030, per restare entro i +1.5 gradi di aumento medio globale della temperatura.

 2) Tutti uniti, nessuno escluso: la transizione energetica deve essere attuata su scala mondiale, utilizzando come faro il principio della giustizia climatica.

 3) Rompiamo il silenzio, diamo voce alla scienza: valorizziamo la conoscenza scientifica, ascoltando e diffondendo i moniti degli studiosi più autorevoli di tutto il mondo. La scienza ci dice da anni qual è il problema e quali strumenti servono per risolverlo. Ora spetta alla politica il compito di agire”.

 

Le adesioni

Fondamentale è stata l’adesione del Miur, ma altrettanto importante per i giovani è stata quella dei sindacati: Cobas, Flc Cgil, Sisa hanno dichiarato sciopero del comparto scuola, mentre Usb, Usi e Cub Toscana hanno dichiarato sciopero nazionale di tutti i comparti ad eccezione di quello dei trasporti. La Fiom partecipa con le proprie delegazioni nelle principali piazze italiane. La Cisl ha aderito a molte iniziative locali.

 

Gli appuntamenti principali

 

Milano: la giornata è divisa in due momenti. La manifestazione studentesca prenderà il via da largo Cairoli alle 9.30 e il corteo studentesco effettuerà un percorso per il centro di Milano, con arrivo in piazza Duomo alle 12.30 circa. Dopo il corteo studentesco sarà la volta della vera e propria manifestazione cittadina per il clima: il ritrovo, alle 18.00, è sempre in largo Cairoli. Il percorso in questo caso si svolgerà in direzione opposta rispetto al corteo della mattina.

 

Firenze: il corteo si snoderà nel cuore del centro storico, quasi 3 chilometri da piazza Santa Maria Novella a piazza Santissima Annunziata, e toccherà i principali simboli della città da Palazzo Vecchio al Duomo. Il corteo porterà in strada studenti, genitori, semplici cittadini ma anche il mondo dell’istruzione. Infatti la Flc Cgil Toscana ha proclamato per oggi una mobilitazione del personale della scuola e della ricerca.

 

Perugia: il Senato Accademico ha deliberato la sospensione delle lezioni per l’intera giornata. L’appuntamento per il corteo è alle 9.00  in piazza Partigiani.

Roma: l’appuntamento è alle 10 in piazza della Repubblica; da lì partirà il corteo, che si concluderà verso le 13.30 in piazza Madonna di Loreto (piazza Venezia).

Napoli: il gruppo della città ha chiamato a raccolta per le 9 in Piazza Garibaldi, da dove il corteo si snoderà su Corso Umberto, Via Monteoliveto e Piazza Dante.

Bari: La manifestazione partirà alle 9 dal teatro Petruzzelli per arrivare al parco Due Giugno, passando da ex Fibronit, ponti di Sant’Antonio e San Pio. I mezzi pubblici Amtab sono gratis per promuovere il mezzo pubblico come alternativa all’automobile.