È morto I.M. Pei, archistar della Piramide del Louvre

Roma, 17 maggio – È morto all’età di 102 anni Ieoh Ming Pei, l’archistar della piramide del Louvre di Parigi.

Nato nel 1917 a Canton, nella provincia di Guangdong, Cina, Pei fu naturalizzato statunitense nel 1954. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti durante la sua carriera, tra cui il Pritzker Prize nel 1983. Secondo la giuria Pei ha “dato a questo secolo alcuni dei suoi più bei spazi interni e forme esteriori”. Con il premio da $ 100.000, Pei ha istituito un fondo di borse di studio per studenti di architettura cinesi negli Stati Uniti.

“Credo che l’architettura sia un’arte pragmatica. Per diventare arte deve essere costruita su un fondamento di necessità. ” -discorso di accettazione del Pritzker Prize 1983

 

L’opera più nota di Pei in tutto il mondo è la sua estensione sotterranea al Louvre, inclusa la piramide di cristallo, originariamente un punto di polemica, ma ora considerata come uno dei suoi progetti più iconici. Pei ha detto: “formalmente, la piramide è la più compatibile con l’architettura del Louvre, è anche una delle forme più strutturalmente stabili, che assicura la sua trasparenza, poiché è costruita in vetro e acciaio, significa una rottura con le tradizioni architettoniche del passato. È un’opera del nostro tempo.”