Bimbo ucciso dal patrigno, arrestata anche la madre

È scattato l’arresto per Valentina Casa, madre di Giuseppe, il bimbo di 7 anni ucciso a Cardito (Na) con schiaffi, calci e pugni dal compagno 24enne della donna.

Da quanto spiegato dalla procura in una nota, la 30enne, residente a Massa Lubrense, è gravemente indiziata dei reati di omicidio aggravato da futili motivi, dalla crudeltà e dall’abuso delle relazioni domestiche, nei confronti del figlio Giuseppe, di tentato omicidio aggravato dalle medesime circostanze nei confronti della figlia primogenita e di maltrattamento aggravato nei confronti dei tre figli.

Gli accertamenti hanno fatto emergere che la donna sarebbe rimasta inerte mentre il compagno, Essobti Badre Tony, colpiva con violenza i figli. Inoltre, secondo l’accusa, invece di provare a bloccare la furia omicida dell’uomo, ha provato ad occultare le prove delle violenze perpetrate dal compagno nei confronti dei figli. Al momento dell’intervento degli investigatori, la donna ha tentato inizialmente a negare il coinvolgimento di Tony nelle violenze.

Durante le indagini, sono state raccolte le dichiarazioni dei vicini di casa degli indagati e delle insegnanti dei bambini, ed è emerso che i maltrattamenti nei confronti dei piccoli erano frequenti. Spesso venivano notate ecchimosi sul volto e sul corpo dei bambini, che, secondo i testimoni, apparivano abbandonati a sé stessi e poco curati.