FactCheckEu: il nuovo progetto contro le fake news

Roma, 18 marzo – Oggi FactCheckEu riunisce diciannove organizzazioni europee che si occupano di fact-checking in tredici diversi stati facenti parte dell’Unione Europea. Lo scopo è quello di contrastare le fake news, le cosiddette “bufale” che circolano online riguardo l’interesse europeo, poiché a breve si terranno le elezioni per il Parlamento europeo.

Questo progetto nasce proprio nella giornata odierna. LaVoce.info e Pagella Politica, partner dal 2016 di Agi nella sezione fact-checking, rappresenteranno il nostro Paese. Il sito del progetto raccoglie articoli di fact-checking, tradotte principalmente in inglese, ma anche nelle altre lingue degli altri membri del progetto.

Questa iniziativa fornisce anche un contatto diretto tra i lettori e gli interessati e chi verifica i fatti: nella home del sito infatti è possibile digitare una domanda direttamente ai fact-checkers.

Tutte e diciannove le organizzazioni che fanno parte di questo programma hanno sottoscritto il Codice dei principi dell’ International Fact-Checking Network, che si fonda su professionalità e indipendenza, assicurando l’imparzialità del piano.

Le organizzazioni coinvolte si occupano sia di progetti indipendenti sia delle sezioni di fact-checking di alcune delle testate europee più rinomate.

La lista completa:

  • 20 Minutes (Francia),
  • AFP Factuel (Francia),
  • CheckNews de Libération (Francia),
  • Faktencheck (Germania),
  • Les Décodeurs du Monde (Francia),
  • Ellinika Hoaxes (Grecia),
  • FactCheckNI (Irlanda del Nord),
  • hr (Croazia),
  • France 24 Les Observateurs (Francia),
  • ie (Irlanda),
  • info (Italia),
  • Lead Stories (Belgio),
  • es (Spagna),
  • Newtral (Spagna),
  • Observador (Portogallo),
  • Patikrinta 15min (Lituania),
  • TjekDet (Danimarca),
  • Viralgranskaren (Svezia).