Stop operativo mondiale dei Boeing 737 Max-8

Dopo l’incidente di Ethiopian Airlines ci sarà un blocco con aggiornamenti software

 

Con il disastro avvenuto domenica a 60 chilometri dalla capitale Nairobi, in Kenya, da parte dell’Ethiopian Airlines, l’Italia ha deciso di bloccare l’operatività dei Boeing 737 Max-8. L’Enac fa sapere che ci sarà questa sospensione a partire dalle ore 21. Come visto, la disgrazia accaduta l’altro ieri dove hanno perso la vita tutti e 157 i passeggeri, il mondo ha deciso di prendere misure cautelative al riguardo in particolare l’Europa ma anche alcuni paesi dell’oltre Oceano hanno adottato queste disposizioni.

L’Italia in primis ma anche il Regno Unito ha seguito questa linea, annunciando di aver bandito tutti i voli nel suo spazio aereo dei Boeing 737 Max-8 e secondo quanto riporta Bloomberg, l’EASA (agenzia europea per la sicurezza aerea) sarebbe pronta a seguire la Gran Bretagna nel blocco di questi voli.

I titoli di Boeing hanno subito un brusco calo in borsa con la perdita del 4,08% nell’apertura delle contrattazioni. Inoltre sempre la stessa casa produttrice di aeromobili ha annunciato che interverrà con un importante aggiornamento software dell’intera flotta 737 Max-8 per porre rimedio al blocco e limitare i danni economici.

Anche la compagnia aerea brasiliana Gol ha annunciato la sospensione dei suoi voli con aerei del modello Boeing 737 Max-8. La compagnia ha spiegato che “la sicurezza è il valore numero uno per la Gol, che orienta in modo assoluto tutte le iniziative dell’azienda”. Ha precisato inoltre che la sua flotta aerea è composta da 121 aerei Boeing, dei quali solo 7 sono del modello 737 Max-8, sottolineando che da quando sono operativi questi velivoli “hanno già portato a termine 2.933 voli, per un totale di 12.700 ore di volo, in totale efficienza e sicurezza”.

L’ Aviazione civile di Singapore ha temporaneamente vietato a tutti gli aerei Boeing 737 Max di entrare e uscire dal Paese in seguito ai due incidenti mortali che hanno coinvolto questo tipo di aeromobile in meno di cinque mesi. Lo stop, ha inizio oggi e sarà passibile di revisione quando saranno disponibili le informazioni sulla sicurezza di questi aeromobili.

Ci sono stati degli stop anche nella parte orientale del mondo dove la compagnia aerea sudcoreana Eastar Jet ha fermato i voli del 737 Max-8, ai quali va ad aggiungersi anche l’Australia e la Aerolinas Argentinas che spiega in una nota perché è dovuta ricorrere a questo stop “obbligato”. “Il fermo degli aerei permetterà una loro ispezione e successivamente, secondo quanto comunicherà il costruttore Boeing, si deciderà se torneranno a volare”.