Campionato a senso unico

Il 27° turno di Serie A si apre venerdì sera con la capolista Juventus che ospita all’Allianz Stadium l’Udinese. Allegri schiera in campo una formazione inedita, contornata da molte riserve, in vista del ritorno fondamentale in Champions League contro l’Atletico di Simeone, vittorioso nella gara di andata.

Grazie a due giocate straordinarie del millenial Kean, la partita si mette subito in discesa per la “Vecchia Signora”. Gara messa in ghiaccio nel secondo parziale dal gol di Emre Can dagli 11 metri e dal colpo di testa del francese Matuidi; Lasagna nel finale sigla il gol della bandiera per i friulani. Con l’ottavo scudetto consecutivo ormai in tasca, alla Juve non resta altro che concentrarsi sullo scontro cruciale di martedì per mandare in porto l’affare Champions.

Nelle sfide di sabato il Parma resiste agli strenui attacchi del Genoa al Tardini e incamera i 3 punti grazie al gol dell’ex Kucka. Nel finale Gervinho, dopo aver scartato il portiere, sbaglia a porta vuota il gol del raddoppio. Nel match serale il Chievo, ultimo in classifica, ospita un Milan arrembante, in serie positiva da 11 partite consecutive. Sblocca la partita Biglia con una pennellata su punizione che si insacca sotto l’incrocio dei pali, ma pareggia i conti, sempre nel primo tempo, Hetemaj con un colpo di testa all’angolino. Nel secondo tempo decide l’incontro il solito Piatek, che da vero rapinatore d’area insacca Sorrentino, e segna il 6° gol con la maglia del “Diavolo”. Milan ancora in ottima forma: la squadra di Gattuso scavalca i cugini neroazzurri al 3° posto in classifica.

Nel lunch match della domenica il Bologna ospita al Dall’Ara il Cagliari. Partita decisa da 1 rete per tempo: nel primo segna il cileno Pulgar su rigore, nel secondo sigla la rete l’ex Villareal Soriano. Nelle partite pomeridiane la Sampdoria ospita al Ferraris un’Atalanta in condizione smagliante. Partita ricca di gol: apre le danze l’ex Zapata, pareggia l’immortale Quagliarella su rigore, risolve l’esterno Gosens al 2° gol consecutivo. L’Inter, ancora in discussione con l’ex capitano Icardi, continua a vincere: al Meazza fissano il 2-0 contro la SPAL Politano e Gagliardini. Il Torino, che non subisce gol da 6 partite consecutive, fa visita al Frosinone. Dopo il gol di Paganini, a fine primo tempo, che spezza l’imbattibilità di Sirigu, nel secondo tempo il Torino reagisce e ribalta il risultato con la doppietta del “gallo” Belotti. Il Mapei Stadium vede di scena Sassuolo e Napoli; sfida avvincente che termina con una rete da ambo le parti: nel secondo tempo, al gol di Berardi risponde il capitano partenopeo Insigne. Conclude la serata Fiorentina – Lazio: al gol di Immobile replica Muriel. Un pareggio frustante che allontana gli orizzonti europei delle due contendenti.

Nel Monday Night va di scena all’Olimpico lo scontro tra Roma ed Empoli. I Giallorossi, dopo essere stati clamorosamente eliminati dalla Champions e l’esonero di Di Francesco (con concordate dimissioni da parte del DS Monchi), ripartono da Ranieri. Il tecnico (campione d’Inghilterra con il Leicester nel 2015/2016) esordisce con una vittoria contrassegnata, sia in negativo che in positivo, dalla sua squadra. Al gol di El Shaarawy risponde l’autogol di Juan Jesus: chiude definitivamente la partita sul 2-1 la rete di Schick. Senza più obiettivi, la squadra capitolina si risolleva parzialmente dopo il tonfo europeo.