Clonate le prime cinque scimmie in Cina per studiare il disturbo del sonno

I genetisti cinesi hanno clonato cinque scimmie che soffrono di insonnia, e anche sviluppatrici di altre malattie. L’esperimento è stato fatto con la stessa tecnica della pecora Dolly che precedentemente aveva permesso di far nascere le prime due scimmie fotocopia al mondo.

La ricerca pubblicata su National Scienze review, permetterà di studiare malattie difficili da riprodurre in laboratorio, come l’insonnia.

 

Queste particolari scimmie sono il frutto di due esperimenti. Nel primo caso è stata utilizzata la tecnica del copia incolla per quanto riguarda il DNA modificando geneticamente gli embrioni. Sono nate delle scimmie con vari disturbi, problemi che non riguardano solo l’insonnia ma anche squilibri ormonali, ansia, depressione.

Nel secondo caso sono stati prelevati i nuclei delle cellule adulte e trasferiti poi in ovociti, privati nel loro nucleo originale. Da questo processo sono nate le 5 scimmie che hanno ereditato il disturbo del ritmo cardiaco.

Gli esperimenti sugli animali sono presenti ormai da molti anni, permettono di capire come una patologia si sviluppa e quali tecniche possono curarla.  L’insonnia è un disturbo che colpisce circa il 10% della popolazione, gli scienziati hanno sfruttato la vicinanza tra umani e primati proprio per giungere ad una soluzione.