La trap: tra droghe, groupie e sfarzo.

Il nuovo genere musicale in voga tra i giovani è la trap, un tipo di musica spesso criticata perché gli artisti ostentano la loro ricchezza e fanno uso di sostanze stupefacenti. La trap nasce dal rap che alle origini era un modo per fare denuncia sociale degli afroamericani negli USA. Oggi questi artisti sono diventati un punto di riferimento per le nuove generazioni perché tutti sognano una vita nel lusso e ogni ragazzo vuole trasgredire. La trap è trasmessa su tutte le radio, grazie proprio a questo sdoganamento può essere considerata ormai commerciale. Lo conferma il fatto che anche il concerto del primo maggio non può fare a meno di trapper come sfera ebbasta che anche se con il Rolex si esibisce dal palco dei lavoratori. L’Europa è invasa da questo nuovo sound che condiziona anche l’outfit, con il ritorno di marche casual e capi sempre più stravaganti che fino a pochi anni fa non erano indossati. Il trasgredire porta a importanti critiche come quella verso le forze dell’ordine, l’abuso di droghe e la visione delle donne come oggetto, chiamate le “groupies”. I cantanti sono noti per l’esibizionismo, cercando di dare risalto ai loro gioielli oppure ai loro vestiti griffati e le loro automobili di lusso. Questo fenomeno ormai è entrato nella routine dei più giovani e non solo, condizionando anche il tessuto sociale e anche la vita quotidiana del nostro Paese. Di strettissima attualità è la faida tra Gemitaiz e Salvini con botta e risposta a suon di post  sui social. È interessante analizzare le risposte degli adulti che non concepiscono il genere e difendono Salvini a spada tratta e lo sgomento dei più giovani che difendono il loro idolo attaccato da Salvini che rappresenta lo Stato, quindi quel sistema marcio da rivoluzionare. In un momento storico di forte crisi questi personaggi sono gli unici che promettono un sogno alla nuova generazione, gli unici controcorrente, forse anche per questo il tasso di astensione aumenta sempre di più verso le tornate elettorali. La musica rappresenta, spesso, la situazione sociale ed economico di un determinato periodo e luogo, dovremmo dare più peso alle rivendicazioni sociali di questo mondo? Intanto molti concerti continuano ad andare sold out e c’è sempre maggiore richiesta di musica trap.
Simone D’Aversa