Afghanistan: attacco ad una moschea, 4 morti

Nella provincia orientale di Khost un attacco ad una moschea ha causato anche 3 feriti

Afghanistan, foto archivio © AP

Quattro persone sono state uccise e altre tre sono rimaste ferite ieri pomeriggio nella provincia orientale afghana di Khost durante un attacco in una moschea nel distretto di Mando Zayi.

Ciò è stato reso noto dal portavoce del governatore della provincia, Talib Mangal, spiegando che uomini armati hanno aperto il fuoco da un’auto contro la moschea che in quel momento ospitava 15 fedeli. Nessun gruppo ha per il momento rivendicato l’attacco.

Un addetto stampa  della polizia ha riferito che si sta ancora indagando e che per ora non ci sono stati arresti. L’attacco sarebbe stato sferrato da più persone, ma non si sa esattamente quante.

Ignoto anche l’obiettivo: sia i talebani che l’Isis hanno ripetutamente attaccato in passato funzionari governativi ma non risulta che ve ne fossero nella moschea.

Un’altra strage ha bagnato col sangue le strade afgane, dopo  l’esplosione della bomba che causò ben 13 vittime.

Forse questo è la testimonianza di come  le guerre di religione ancora non siano finita ma proseguiranno fino a quando non si giungerà ad una stabilità anche politica in medio-oriente.