L’ipotesi di Trump: “Armiamo gli insegnanti esperti di armi”

Arriva dalla Casa Bianca la dichiarazione del presidente Donald Trump, il quale sembra intenzionato ad armare gli insegnati nelle scuole per evitare nuove stragi.

Si fa sentire ad una settimana dalla strage in Florida il presidente Donald Trump, che ha ricevuto nella Casa Bianca gli studenti sopravvissuti della scuola di Parkland. La novità di Trump sarebbe il far armare gli insegnanti nelle scuole, poiché secondo lui basterebbe armare il 20% dei docenti per fermare i maniaci. Queste le sue parole:

“Una zona senza armi, per un maniaco, è un invito a entrare e attaccare perché sono tutti codardi. Ma se ci fossero degli insegnanti capaci di usare le armi da fuoco, questi potrebbero mettere fine all’attacco molto velocemente.”

Questo però, ha chiarito Trump con un tweet, avverrebbe solo per i docenti che affronteranno un addestramento specifico e che hanno avuto un’esperienza militare.

Il presidente Trump ha affermato inoltre che si lavorerà molto di più per i controlli e le verifiche di background per i possessori di armi, infatti l’intenzione sarebbe quella di alzare i limiti di età e fare dei controlli più approfonditi sullo stato della salute mentale. Le parole di Trump cercano di rassicurare il popolo Statunitense:

”Ascoltiamo, poi ci mettiamo al lavoro. E non solo a parole come in passato. Lo risolveremo.”

Ma nonostante tutto continuano le proteste degli studenti nelle scuole, i quali pretendono una maggiore durezza sulle leggi riguardo il possesso di armi. Gli scioperi degli studenti non saranno però graditi in tutti gli Stati Uniti, che minacciano conseguenze come la sospensione per coloro che parteciperanno a proteste di carattere politico durante l’orario scolastico.

A cura di Alessandro Cianfoni