Doping, la Russia fuori dalle olimpiadi invernali

Il comitato olimpico internazionale ha cosi deciso: La Russia non parteciperà ai giochi invernali 2018 in Corea del sud.

Il CIO ha annunciato che potranno accedere alle Olimpiadi, quegli atleti di nazionalità russa, che non hanno fatto uso di doping, gareggiando sotto bandiera neutrale.

Oltre all’espulsione, la Russia ha ricevuto una multa di ben 15mila dollari. I soldi di questa multa saranno destinati ad un programma antidoping.

Questo provvedimento è stato preso a seguito dei precedenti giochi olimpici svolti a Sochi (Russia) nel 2014, quando diversi atleti russi risultarono positivi al doping.  Una decisione drastica ma di “buon auspicio” per far si che tutto ciò non riaccada. Lo sport deve insegnare dei principi, deve essere “pulito”, deve mandare avanti la meritocrazia e non la furbizia, è necessario che insegni una vera e propria educazione a tutti gli atleti. A tale proposito, Thomas bach afferma: “Questa decisione dovrebbe tirare una riga”.