Ferentino : riparte la serie B nazionale di calcio a 5

Ciao Marco, dopo una prima stagione che vi ha visto protagonisti di una salvezza a suon di ottime prestazioni cosa si aspetta da questa nuova avventura?

“quest’anno la politica che la società porta avanti da anni trova la sua massima espressione con le scelte di puntare solo sui giovani locali. É stato confermato il blocco italiano “storico” con pochi nuovi innesti e il gradito ritorno di Frattali .Ovviamente tenteremo l’impresa di replicare la salvezza dello scorso anno il prima possibile.”

 

Dalla C 1 sono salite squadre con progetti ambiziosi pronti a dare battaglia anche alle realtà della serie B, vedendo questi movimenti del campionato a parer so, il tasso tecnico/qualitativo della serie B è aumentato rispetto alla stagione passata?

“Si , decisamente. Sono informato sulle squadre del nostro girone e devo dire che gran parte delle squadre si sono rafforzate, soprattutto la neo-promossa come la Cioli Ariccia Valmontone. In ogni caso sarà un piacere veder giocare e confrontarsi con grandi giocatori . Come detto precedentemente speriamo di raggiungere la salvezza il prima possibile , ma sappiamo che quest’anno sarà un campionato più competitivo e impegnativo di quello appena concluso .”

 

A differenza di molte squadre voi siete una realtà che punta molto sui giovani, ne è un chiaro esempio la vostra under 19 che ha ottenuto buoni risultati permettendo a molti ragazzi di ricevere la convocazione in prima squadra. Lei cosa pensa riguardo al lavoro sui giovani?  inoltre , è giusto dare spazio alle nuove leve?

” Si. Si cerca di fare il possibile per i giovani , ma ogni anno penso che diventi sempre più difficile. Non è facile convincere i ragazzi che giocano a calcio , nonostante il campionato nazionale , a passare al calcio a 5 . Purtroppo questo sport non ha ancora il giusto appeal e non offre quanto il calcio a livello di visibilità e prospettive. Basti pensare che quest’anno avremo un girone di serie B a 11 squadre e con l’under 19 a dieci. Per tornare alla tua domanda , è giusto dare spazio ma anche dare prospettive, è importante dare motivazioni ai ragazzi affinché in campo rendano sempre al 100% ,ed è quello che in questi anni mi sono ripromesso di fare.

 

Da poco si è concluso il mercato , l’A.M Ferentino si è rinforzata con alcuni innesti significativi che vanno a puntellare una rosa già competitiva. Fra i nuovi arrivi è presente  Ceccaroni Gabriele (classe 1995) , cosa ci può dire a riguardo?

“Conosco bene Ceccaroni , e per lui non posso che spendere belle parole. Ho lavorato 3 anni fa con lui e ci siamo ritrovati quest’anno qui a Ferentino. Negli anni ha avuto una crescita esponenziale e adesso deve consolidare quanto dimostrato nelle categorie inferiori . Ci vorrà del tempo , ma può far bene ,cosi come Coppotelli che è al suo primo anno in prima squadra.”

 

Ed ora  è qui con noi Ceccaroni , che dopo anni di gavetta è pronto finalmente al salto di qualità , con l’approdo al Ferentino in serie B si aprono nuovi scenari per la sua giovane carriera (ricordiamo che è un 95 ) . Ci parli un po di lei e delle sue caratteristiche e del contributo che può dare alla sua nuova squadra .

“Buonasera a tutti , comincio con il ringraziare  il prof Marco Rossi per le belle parole che ha speso  nei miei confronti . Per me è un grande onore , oltre che un bel traguardo , far parte di una squadra che milita nel campionato nazionale di serie B. essendo il primo anno  in questa categoria  so che sarà dura , ma sarà per me una sfida personale e proprio per questo sto dando il massimo già da adesso  per cominciare al meglio il campionato. Dovrò lavorare tanto, raggiungere la mia forma migliore  il prima possibile e dimostrare di essere all’altezza per ritagliarmi un  posto in squadra  e soprattutto per essere d’aiuto alla squadra. Sarà sicuramente un’esperienza importante , che mi metterà alla prova e che mi farà crescere come giocatore. Spero di riuscire a dare un contributo importante alla squadra e mi auguro che questa prima stagione in serie B non sia un punto di arrivo ma bensì un punto di partenza.”