Wimbledon, bilancio positivo per gli italiani nella prima giornata

Ha avuto inizio oggi la 131esima edizione del torneo di Wimbledon, il più prestigioso per gli amanti del tennis. L’erba dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club si è dimostrata pronta ad accogliere per l’ennesima volta i migliori giocatori del panorama mondiale. Quest’anno si potrebbe scrivere la Storia, dato che un’eventuale vittoria di Roger Federer, alla soglia dei 36 anni, rappresenterebbe un record individuale assoluto. Lo svizzero è infatti detentore di 7 titoli, primato che condivide con Renshaw e Sampras, e questa potrebbe essere una delle sue ultime possibilità per superarli.

La giornata di oggi ha visto scendere in campo 8 italiani, 5 nel circuito maschile e 3 in quello femminile. Bolelli si è imposto sul taiwanese Lu per 6-3 1-6 6-3 6-4, mentre Seppi ha battuto lo slovacco Gombos con il punteggio di 6-2 3-6 6-2 6-1. Match impeccabile per Fabio Fognini, che ha superato Tursunov con un sonoro 6-1 6-3 6-3. Eliminati invece Fabbiano e Cecchinato, rispettivamente 7-6 (7-5) 7-5 6-2 da Querrey e 6-2 6-2 6-0 da Nishikori. Per quanto riguarda le donne, Camila Giorgi ha eliminato la francese Cornet per 5-7 6-4 6-4, mentre Francesca Schiavone ha battuto la Minella per 2 set a 0. Roberta Vinci è stata invece superata dalla ceca Pliskova che, dopo aver vinto 7-6 (8-6) un equilibrato tie break del primo set, è riuscita a prendere il controllo della partita chiudedo 6-2 il secondo.

Già nel primo giorno, però, ci sono state due inaspettate sconfitte. Innanzitutto Kyrgios che, sotto di 2 set contro Herbert, si è dovuto ritirare per un infortunio all’anca. In seguito anche un irriconoscibile Wawrinka, schiacciato dai colpi del classe ’96 Medvedev, ha dovuto lasciare Wimbledon prima del previsto. Il giovane russo era alla sua prima apparizione nel tabellone principale dei Championships, ma non ha assolutamente ceduto alla pressione ed ha superato lo svizzero per 6-4 3-6 6-4 6-1. Nadal, Murray, Tsonga e Cilic hanno superato il round battendo per 3 set a 0, rispettivamente, Millman, Bublik, Norrie e Kohlschreiber. Ha passato il turno anche Venus Williams, dopo l’incidente automobilistico del 9 giugno scorso, vincendo 2 set a 0 contro la belga Mertens.