Aerei Usa in pericolo , questo l’avvertimento da Mosca

L’abbattimento di un caccia militare siriano da parte delle forze Usa, ieri in Siria, è una “flagrante aggressione che mostra inequivocabilmente la reale posizione degli Stati Uniti in sostegno al terrorismo” che “mina la capacità” delle forze di Damasco di combattere l’estremismo in tutto il Paese

Mosca è “preoccupata” per l’abbattimento del jet siriano da parte degli Stati Uniti e mette in guardia Washington da nuovi attacchi alle forze governative siriane. Così il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov a Interfax. “L’attacco diretto a un aereo dell’aviazione governativa siriana è l’ulteriore passo verso un’escalation pericolosa. Stiamo mettendo in guardia Washington dall’utilizzo di simili metodi in futuro”, ha detto Ryabkov. “Qualunque oggetto aereo, inclusi i jet e i droni della coalizione internazionale, identificato a ovest dell’Eufrate sarà seguito dai mezzi antiaerei russi, sia terrestri sia aerei, come bersaglio aereo nelle aree in cui l’aviazione russa è in missione di combattimento nei cieli siriani”: lo annuncia il ministero della Difesa russo in risposta all’abbattimento di un jet siriano da parte delle forze Usa. Domenica il caccia americano F18 Super Hornet ha abbattuto un aereo dell’aviazione siriana. Un episodio definito dalla Russia “una violazione cinica della sovranità della Repubblica araba siriana” e da Damasco una “flagrante aggressione sulla lotta al terrorismo che mostra la reale posizione degli Usa in sostegno al terrorismo”. Secondo la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti, il jet siriano aveva sganciato alcune bombe vicino ai combattenti delle Forze democratiche siriane (Sdf), impegnate contro lo Stato islamico, ed è stato quindi “abbattuto nel rispetto delle regole di ingaggio e della difesa collettiva delle forze alleate della coalizione”.