Salta accordo Almaviva, 2017 difficile per 1.666 famiglie

Oggi, nella sede del call center Almvavia Contact di Roma, perdono il posto di lavoro 1.666 persone causa chiusura. Le lettere di licenziamento sono già partite proprio in questi giorni di festa. L’accordo proposto il 22 dicembre, accettato dalla Rsu, non era stato accolto dai Lavoratori Romani a differenza di quanto avvenuto a Napoli. In seguito la maggioranza dei lavoratori si era mostrata favorevole ad accettare l’accordo precedentemente rifiutato, ma non è stato possibile riaprire la trattativa con l’azienda.  Fonti del ministero dello Sviluppo Economico confermano che l’ultimo tentativo di riapertura della mediazione, richiesto ieri dalle organizzazioni sindacali, è fallito. La sala stampa di Almaviva dichiara che “l’ipotesi di attivare una trattativa supplementare, oltre che fuori da ogni logica ed in contrato con il mandato di rappresentanza sindacale dichiarato, risulta, inoltre, legalmente e tecnicamente impossibile perché invaliderebbe l’intera procedura conclusa con la mediazione del governo”. I lavoratori della capitale speravano di ottenere tre mesi ancora di cassa integrazione con un accordo simile a quello siglato dai colleghi di Napoli.  La sede Almaviva Contact di Roma, ormai inattiva da una settimana è pertanto destinata alla chiusura.

Chiara Passaro