Allerta meningite, morto bimbo di 22 mesi, altri casi sospetti

Nuovi allarmi per casi di meningite: oggi nell’ospedale di Firenze ha perso la vita un bambino di 22 mesi, che non era stato vaccinato. Inutili i tentativi di tutto lo staff medico dell’ospedale Meyer di Firenze di rianimare il piccolo affetto da meningicocco di tipo C. Il bimbo era giunto nella struttura mercoledì sera in gravissime condizioni.
Anche a Napoli si è verificato un caso di meningicocco C, che ha portato alla morte un ragazzo di 18 anni, poco dopo.
A Chiavari è stata diagnosticato anche ad una donna di 34 anni, che è stata ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale San Martino di Genova, dopo aver accusato intensi malori la notte di Natale.
Immediate le operazioni di profilassi per i parenti e negli ospedali che hanno ospitato i pazienti affetti.

Il presidente dell’Istituto superiore di sanità Ricciardi, ha dichiarato che in questo momento il vaccino resta l’unica arma per combattere la meningite:”è importante vaccinare i bambini su tutto il suolo nazionale, il tipo C di meningite è attualmente quello più frequente in Italia, anche se quello B resta quello più aggressivo e pericoloso. E’ necessario dunque vaccinare i neonati per prevenire i ceppi B e C”.
Occorre ricordare che seppur il vaccino non elimini completamente il rischio di contagio, riduce la gravità della malattia, dando tempo ai medici di agire somministrando una cura antibiotica.
Ricciardi prosegue inoltre affermando che rifiutare di sottoporsi alla vaccinazione in Toscana è da irresponsabili.
Proprio in questa regione infatti si sono verificati in percentuale più casi di meningite, dove a partire dall’inizio del 2015 fino al novembre 2016 se ne contano ben 58.
Resta dunque la massima allerta in tutti i pronto soccorsi italiani, pronti ad agire d’urgenza di fronte a nuovi casi.