Cosa fanno gli italiani alla Vigilia di Natale?

Altre pochissime ore e l’attesa sarà presto finita. Il duemilasedicesimo Natale è ormai alle porte. Gli addobbi sono ormai già tutti sistemati, gli alberi già decorati, presepi già animati (si attende ormai solo il Festeggiato), e gli italiani? Eccoli: ciascuno a modo suo.
C’è chi come da tradizione accompagnati da nonni, amici e parenti si preparano a vivere il momento nella Veglia notturna partecipando alla celebrazione del Santo Natale. Un momento che per i cristiani che si pone in modo conclusivo del periodo liturgico chiamato Avvento, o per i più intraprendenti e fedeli come ultimo passo della Novena di Natale, ossia nove giorni consecutivi di celebrazione e attesa iniziati ogni 16 Dicembre.
Più comunemente invece troviamo i grandi organizzatori che sempre accompagnati dalle persone più care, si preparano a vivere il cosiddetto “cenone” natalizio a casa o magari fuori. Un’ occasione imperdibile in cui il culto tutto italiano per la buona tavola  si manifesta in tutta la sua grandezza, in una maratona mangereccia che ci vede impegnati ad assaporare ogni tipo di pietanza, dal dolce al salato, dal pesce alla carne, il tutto ovviamente in porzioni piu’ che abbondanti.
Infine troviamo i famosi ritardatari e gli impegnati fino all’ultimo che ancora approfittano degli ultimi tempi rimasti per fare gli ultimi regali e pensieri stando magari attenti a beccare la buona occasione.
Insomma a ciascuno il suo, ma per chiunque il Natale certo non è un giorno come gli altri.

Silvestri Carlo